Alcune informazioni per chi pratica la pesca nei fiumi

0

Pescare nei fiumi può essere un vero e proprio paradiso per i pescatori amanti di questo sport. La stagione della pesca. I fiumi infatti, grazie alle loro portate e alle acque cristalline, si prestano facilmente alla pesca di tutti coloro che hanno voglia di cimentarsi tra esche, stivali e canne da pesca per prendere all’amo salmonidi e trote.

La pesca nei FiumiPraticare la pesca nei fiumi viene spesso chiamata, “pesca al tocco”; Si tratta di una tecnica che prevede l’utilizzo di esche naturali. A differenza della pesca in acqua salata, pescare nei fiumi non prevede l’utilizzo di un galleggiante. L’abboccata del pesce viene infatti, avvertita attraverso una serie di vibrazioni che si trasmettono direttamente dal contatto che avviene tra esca, cima della canna e mano del pescato.

Per pescare nei fiumi occorre una Canna specifica. Per ottimizzare questo tipo di pesca serve una canna teleregolabile, molto robusta e dotata di “boccole” particolari dispositivi di regolazione che ne permettono un utilizzo fine e preciso.
I mulinelli di queste canne sono molto semplici e solitamente sodo dotati un “segna filo” colorato che permette di identificare in maniera tempestiva l’area in cui si sta lavorando.

Per la pesca nei fiumi gli elementi distintivi della piombatura sono 4:
1) La corona: è una piombatura costituita da diversi pallini di piombo, che si distribuisce per tutta la lunghezza della lenza ma che richiede un controllo molto preciso per evitare che si aggrovigli nel fondale. Questo tipo di piombatura è adatta ai pescatori più esperti

2) Il pallettone: è un tipo di piombatura adatta a penetrare in fiumi caratterizzati da correnti forti e turbolente. E’ la piombatura che viene principalmente utilizzata per la pesca nei canali artificiali

3) La spiralina: E’ un tipo di piombatura molto versatile che si adatta bene a tutti i pescatori e a tutte le situazioni. E’ caratterizzata da una zavorra di piombo, concentrata in pochi centimetri di lunghezza. In commercio ne esistono di diverse fogge e di svariati pesi.

4) Il pendolino: è un tipo di piombatura indicata per la “passata naturale”. Il pendolino consente di pescare come con il palettone ma, assicura allo stesso tempo, rende la pesca molto mobile e leggera, consentendo di raggiungere facilmente anche sponde opposte.

I finali da utilizzare per pescare nei fiumi vanno approntati con nylon trasparente mentre, gli ami vanno scelti rispettando le proporzioni dell’esca che si vuole utilizzare:

  • ami a numero 10-12 a filo fine per esche piccole come, portasassi e vermetti d’acqua;
  • ami a numero 6-8 per esche medie come, le camole del miele;
  • ami a numero 4-2 per le esche grosse come, i lombrichi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *