Cosa sono e come si curano le emorroidi

0

Le emorroidi sono un problema che accomuna il 25% della popolazione adulta, e il 50% delle persone che hanno superato la soglia dei 50 anni. Si tratta di un disturbo che colpisce indistintamente donne e uomini.

Ma cosa provoca l’uscita delle emorroidi? E, soprattutto, come si possono curare?

come curare le emorroidiLe emorroidi sono delle piccole escrescenze costituite tecnicamente da un tessuto angio-cavernoso e rette da un tessuto elastico e muscolare. Quando, per diverse cause, escono le emorroidi ci troviamo di fronte alla rottura della membrana di sostegno e al conseguente prolasso mucoso.

Le cause che portano alla manifestazione delle emorroidi sono diverse: una vita troppo sedentaria e senza sport, l’abuso di alcool, il tabacco e la stitichezza sono solo alcuni esempi.

Ovviamente, come tutte le malattie o i disturbi fisici, le emorroidi si combattono prima di tutto a tavola: mangiare abbondanti porzioni di frutta e verdura, e bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno combatte l’insorgere di questo disturbo.

Vediamo, ora, cosa possiamo fare se siamo in presenza delle emorroidi. Esistono diversi rimedi, sia naturali che di tipo medico: la fitoterapia, ad esempio, è molto utilizzata nelle donne che in gravidanza si trovano a dover combattere contro le emorroidi, senza ricorrere a farmaci. Tra le sostanze vegetali più usate ci sono le fibre di psillio che aiutano a regolare le funzioni intestinali. Altre sostanze naturali utilizzate sono quelle a base di ippocastano, altea, mirtillo, frutti di bosco e malva: la loro assunzione permette di rafforzare le pareti dei vasi, e riduce notevolmente le infiammazioni presenti.

Alla base di tutto, però, c’è una sola precauzione da prendere: quando ci si trova in presenza delle emorroidi è bene farsi visitare immediatamente. Questo disturbo, se ignorato, può diventare molto fastidioso e doloroso, tanto che nei casi estremi si è obbligati a ricorrere alla chirurgia. Evitare di parlarne (magari per imbarazzo o paura) può solo complicare la situazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *