Orzaiolo: i rimedi per curarlo velocemente

0

L’orzaiolo è una sorta di brufolo che si instaura improvvisamente in prossimità della palpebra causando un certo fastidio e dolore.

Curare l'ozaioloSe non si indossano un paio di occhiali scuri è davvero imbarazzante uscire, ma al di fuori di questo, si può affermare con tutta franchezza che si tratta di un problema destinato a risolversi nell’arco di un paio di giorni, a volte senza la necessità di ricorrere a trattamenti particolari.

Generalmente l’orzaiolo è causato da un’infezione di origine batterica, ma le cause che hanno scatenato l’insorgenza di tale disturbo possono essere diverse:

  • utilizzo di cosmetici vecchi
  • scarsa igiene oculare
  • toccare con mani sporche gli occhi
  • sistema immunitario compromesso

E’ stato appurato che l’orzaiolo tende a scomparire al massimo dopo una settimana circa. Laddove questo non dovesse accadere è possibile recarsi dal proprio medico di fiducia il quale prescriverà una pomata antibiotica da applicare localmente.

Però nella maggior parte dei casi possono bastare anche alcuni rimedi naturali, grazie ai quali è possibile accelerare il processo di guarigione.

Ben nota è la pratica dell’impacco di acqua calda: da applicare sull’occhio più volte al giorno. Se necessario anche la notte. Infatti l calore non fa altro che favorire la fuoriuscita del pus e quindi la sensazione del dolore e del fastidio tende a diminuire sempre di più.

Per velocizzare il processo di guarigione la camomilla insieme al timo e al basilico può rivelarsi un ottimo alleato. La sua preparazione è davvero molto semplice: fare bollire l’acqua in un pentolino. Versare l’acqua in una tazza e mettere in infusione dieci grammi di basilico, dieci grammi di timo e dieci grammi di camomilla. A questo punto bisogna coprire la tazza giusto per qualche minuto e in seguito immergere in questo infuso una garza sterile.

Infine applicare la garza sulla parte interessata. Per ottenere un buon riscontro è consigliabile ripetere il trattamento almeno 2 volte al giorno.

Fonte: www.orzaiolo.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *